ombrina

Avevo una gatta una volta, la chiamavo Ombrina, era bianca il pelo morbido, spruzzato di arancio, nero il muso. l’avevo trovata piccolina, affamata, nella strada di casa mia, miagolava, come se mi avesse aspettata da sempre. La tenevo in giardino, spesso la ritrovavo in casa all’improvviso, per farsi accarezzare, ma se la prendevo in braccio e la guardavo negli occhi, … Continua a leggere